Si è rotto un vetro. E adesso chi paga?

Maggiori informazioni sul tema casa
Cross, tiro e il pallone va dritto... contro la finestra. Il vetro è in mille pezzi: chi paga il danno? La rottura dei vetri è coperta dall’assicurazione mobilia domestica o dalla Rc privata? O ci vuole un’assicurazione speciale? Per ognuna di queste domande, noi abbiamo una risposta cristallina. 
Un torneo di calcio scatenato. Una distrazione. Una tempesta fortissima. Basta un attimo e il vetro è rotto. Ma i vetri non sono tutti uguali – almeno dal punto di vista dell’assicurazione. A seconda del tipo di danno, infatti, intervengono assicurazioni diverse. Per sapere se avete quella giusta dovreste sapere come si differenziano i vari tipi di danni ai vetri e le assicurazioni per la rottura di vetri.
In linea di principio, per quanto riguarda la rottura di vetri, l’assicurazione distingue tra i vetri di stabili e i vetri della mobilia. Se il danno interessa una proprietà di terzi, interviene l’assicurazione di responsabilità civile privata. Se invece si tratta di un danno a vetri del proprio stabile o della propria mobilia, allora se ne fa carico rispettivamente l’assicurazione stabili o l’assicurazione mobilia domestica.
Finestre, vetrate, giardini d’inverno, ma anche lavandini, tazze del WC, piani in vetroceramica, vetri di cucine a incasso: tutti gli elementi in vetro fissati stabilmente sono assicurati nell’assicurazione stabili. Questa indennizza i danni da rottura di vetri, compresi i danni consequenziali e complementari. E su richiesta è possibile assicurare anche i vetri di collettori solari.
Se siete locatari non avete bisogno di un’assicurazione stabili, perché le parti in vetro dello stabile non sono di vostra proprietà. Se per caso doveste effettivamente rompere un elemento che rientra nei vetri dello stabile, ad esempio se la boccetta di profumo cade nel lavandino e lo crepa, niente panico: in questo caso interviene l’assicurazione di responsabilità civile privata perché l’evento rientra nei danni del locatario.
Tavoli in vetro, vetrine, specchi, acquari: tutti questi elementi in vetro fanno parte della mobilia e sono quindi coperti dall’assicurazione mobilia domestica.
Occhiali, stoviglie, calici di cristallo, lampade, TV a schermo piatto non rientrano nei vetri della mobilia. Per una protezione specifica degli apparecchi elettronici consigliamo la nostra casco mobilia domestica, che copre addirittura la rottura del vetro del cellulare. Per pezzi unici di particolare pregio ci sono poi la nostra assicurazione oggetti di valore o la nostra all risk.
Parabrezza crepato? Fanale spaccato? Questi casi rientrano nell’assicurazione auto. Con il servizio RiparazioneSenzaPensieri, che offriamo in collaborazione con il nostro partner Carglass, il danno al vetro viene riparato in un batter d’occhio.
Sabine, Segmentmanagerin Nichtleben Privat, Allianz Suisse
Sabine
Segment manager Non vita Privati
Dopo gli studi di economia aziendale, Sabine ha completato la formazione di intermediaria assicurativa AFA ed è in Allianz da oltre 8 anni. Intenditrice di vini, appassionata di moda e belle arti, trova anche il tempo di mandare avanti una famiglia.
L’assicurazione perfetta per voi?
La troviamo con una consulenza individuale.
Richiedi una consulenza
POTREBBE INTERESSARVI ANCHE

Assicurazione mobilia domestica
Casa vostra è il posto in cui vi sentite a vostro agio. Perché sia sempre così, c'è la nostra assicurazione mobilia domestica.
Chi vive in una casa lascia inevitabilmente tracce. Per fortuna nella maggior parte dei casi interviene l’Assicurazione di responsabilità civile. Qui trovate le informazioni più importanti. 
Sottoassicurazione nella mobilia domestica
Se qualcosa si rompe o va perso e la somma assicurata indicata è troppo bassa, l’indennizzo non sarà totale. Evitare questo rischio, però, è possibile.
Seguiteci