INCOTERMS, CIF/CIP e divieti di assicurazione.
Quali regole si applicano al trasporto internazionale di merci.

Voi alla guida Busines
  • Gli INCOTERMS regolano i diritti e gli obblighi di acquirenti e venditori per il trasporto delle merci.
  • I divieti di assicurazione tramite assicuratori non-admitted (sprovvisti di licenza ad operare localmente) possono portare a complicazioni in relazione alle clausole INCOTERMS CIF e CIP.
  • Con il nostro apposito strumento potete verificare in modo semplice e veloce se nel Paese di destinazione vige un divieto di assicurazione.
Divieti di assicurazione, regolamenti locali, coperture non chiare: negli scambi internazionali di merci possono facilmente sorgere complicazioni. Ed è qui che i cosiddetti INCOTERMS vengono in aiuto: si tratta di clausole che regolano i diritti e gli obblighi di acquirenti e venditori per il trasporto delle merci. Con il nostro pratico tool potete scoprire in modo molto semplice se nel Paese di destinazione ci sono sanzioni commerciali o divieti di assicurazione.

Gli INCOTERMS (INternational COmmercial TERMS) sono clausole standardizzate usate nel commercio internazionale di merci per regolare i diritti e gli obblighi di acquirenti e venditori in relazione al trasporto. Le clausole sono definite e pubblicate dalla Camera di Commercio Internazionale (International Chamber of Commerce - ICC).

Gli INCOTERMS non sono leggi nazionali o internazionali, bensì costituiscono parte del contratto di compravendita e uno strumento che la Camera di Commercio Internazionale ha elaborato per semplificare gli scambi commerciali. Essi regolano:

  • luogo e momento della consegna ovvero dell’accettazione della merce
  • luogo e momento del trasferimento del rischio
  • luogo e momento del trasferimento dei costi
  • responsabilità delle parti contrattuali di fornire/procurare determinati documenti

Le clausole CIP (Carriage Insurance Paid) e CIF (Cost, Insurance, Freight) degli INCOTERMS prevedono inoltre che il venditore stipuli a proprie spese un’assicurazione trasporti a copertura del rischio dell’acquirente.

Ogni Paese ha le proprie prescrizioni di legge e di vigilanza per quanto riguarda le assicurazioni. Ad esempio alcuni Paesi vietano l’assicurazione tramite assicuratori non-admitted. Tale divieto può portare a problemi con le clausole CIF e CIP degli INCOTERMS, in quanto queste impongono che sia il venditore a stipulare un’assicurazione sul trasporto contro il rischio dell’acquirente. Tuttavia, se l’acquirente si trova in un Paese che vieta l’assicurazione tramite assicuratori non-admitted, non è assolutamente consentito stipulare tale assicurazione sul trasporto. Teoricamente in caso di sinistro l’acquirente può chiedere la prestazione direttamente alla compagnia di assicurazione. In determinate circostanze, tuttavia, quest’ultima potrebbe non avere il diritto di erogare l’indennizzo nel Paese dell’acquirente.

Con gli INCOTERMS 2020, che modificano quelli del 2010, la clausola CIP è stata adeguata e richiede ora la stipula di un’assicurazione con copertura A delle Institute Cargo Clauses, che corrisponde a un’assicurazione all risk. La probabilità che un sinistro costituisca un caso assicurato è quindi maggiore e pertanto è ancora più importante verificare in quali Paesi vigono divieti di assicurazione ovvero applicare correttamente le clausole CIF e CIP.

Una modifica successiva degli INCOTERMS inizialmente concordati comporta spesso una grande mole di lavoro amministrativo e inoltre potrebbe non essere accettata dalla controparte. Pertanto vi consigliamo di verificare prima della stipula del contratto se nel Paese dell’acquirente esiste un divieto in relazione all’assicurazione, in modo da evitare da subito di applicare le clausole CIF e CIP. Con il nostro apposito strumento potete verificare in modo semplice e veloce se nel Paese di destinazione c’è un divieto di assicurazione o se, ad esempio, l’utilizzo delle clausole CIF e CIP è consentito solo fino al porto marittimo o aeroporto.

Siete nostri clienti e avete stipulato con noi un’assicurazione trasporti? Scriveteci a assicurazionetrasporti@allianz.ch e vi invieremo i vostri dati di accesso al tool, che è disponibile al seguente link.

A proposito: tutti gli altri INCOTERMS, come ad esempio CFR o DAP, non presentano problemi perché non prevedono un obbligo assicurativo.

Adam, Senior Segmentmanager Unternehmen, Allianz Suisse
Adam
Senior segment manager Aziende
Adam lavora nel settore assicurativo da oltre 10 anni ed è specializzato nel comparto Aziende – in particolare Vita e Non vita. Quando non pratica arti marziali, studia per il Master in Insurance Management. 
L’assicurazione perfetta per voi?
La troviamo con una consulenza individuale.
Richiedi una consulenza
POTREBBE INTERESSARVI ANCHE

Assicurazione Cyber Risk
La digitalizzazione nasconde anche dei rischi, come attacchi di hacker, frodi, furto di dati o denunce per violazione delle norme sulla protezione dei dati. Vi aiutiamo noi a difendervi.
La merce che arriva danneggiata non rappresenta solo un grande fastidio, ma può anche generare spese consistenti, soprattutto per le imprese. Chi paga i danni?
Denuncia e gestione dei sinistri per le aziende: ecco come funziona.
Il nostro obiettivo è gestire le pratiche nel modo più rapido possibile. Scoprite qui come agevolarci il compito.
Seguiteci