Tiene il tetto?
Carico da neve e pressione della neve.

Vai alla guida Business
Sono giorni che nevica ininterrottamente e le case sono ricoperte da una spessa coltre bianca. Un paesaggio da sogno. E anche un gran bel problema. Grandi quantità di neve, infatti, pesano tonnellate: troppo per i tetti di alcuni edifici. Il problema ha un nome, anzi due: carico da neve e pressione della neve. Vi spieghiamo in cosa consistono i rischi, come si possono evitare i danni causati da peso e pressione della neve e quali sono le coperture assicurative utili. Così potrete tornare ad ammirare lo splendido paesaggio incantato senza alcuna preoccupazione.
Anche se i fiocchi di neve sono molto leggeri, il manto nevoso ha un peso notevole, soprattutto quando raggiunge un certo spessore per via di precipitazioni intense o dell’azione accumulatrice del vento. L’effetto di questo peso è chiamato pressione della neve, e può diventare un problema per molti tetti o muri a ridosso di un pendio. Le masse di neve possono infatti sfondare tetti o muri e la neve che cade dai tetti può colpire le persone.
Lo si nota facilmente quando si scia o si fa un pupazzo di neve: la neve farinosa è più leggera di quella umida e la neve fresca è più leggera di quella vecchia. E la differenza di peso è davvero notevole. La neve fresca e asciutta pesa circa 30 - 50 kg per m³, la neve vecchia e umida dieci volte tanto. Sono due i fattori che determinano il carico da neve: il contenuto d’acqua e il grado di formazione di ghiaccio. Più la neve è umida e densa, più diventa pesante. Per il tetto della vostra casa questo significa che non conta tanto l’altezza del manto nevoso quanto il tipo di neve. Se c’è freddo secco e ha appena nevicato, non c’è motivo di preoccuparsi. Se invece la neve è vecchia e negli ultimi giorni ha piovuto, il rischio di danni causati dal carico da neve e dalla pressione della neve aumenta ed è bene intervenire.
Ha nevicato molto, ma sono giorni che piove e la neve è bagnata e pesante. La massa bianca sul tetto di casa pesa tonnellate. A causa dell’enorme carico e dell’elevata pressione della neve, il tetto può deformarsi o, nel peggiore dei casi, addirittura crollare. Oppure si possono formare crepe nei muri. La situazione va quindi esaminata attentamente, perché spesso i danni causati dalla pressione della neve si manifestano solo dopo alcuni giorni.
Evitare la neve è impossibile, ma è possibile prevenire i danni causati dal carico e dalla pressione della neve.
Se siete proprietari di un immobile, siete responsabili della sua manutenzione. E questo vale ovviamente anche per il tetto e per gli elementi portanti come le travi. Vi consigliamo di sottoporre il vostro immobile a controlli regolari da parte di esperti.

Non lasciate che la neve si accumuli: liberate regolarmente tetti, balconi e terrazze dal carico di neve. E in particolare gli impianti fotovoltaici, perché le sottostrutture possono deformarsi e danneggiare il tetto. Rimuovete inoltre neve e ghiaccio dalle grondaie. Sgomberare la neve aiuta a diminuirne la pressione evitando danni all’edificio e crolli di cumuli di neve dal tetto che possono colpire persone e veicoli.

La cosa migliore sarebbe affidarsi a un professionista, se decidete però di fare da soli, è importante che prendiate le dovute precauzioni: lavorate sempre in sicurezza e procedete per zone, eliminando neve e ghiaccio da diversi lati in modo da alleggerire il tetto in modo uniforme.

Se volete sapere qual è il carico della neve sul tetto della vostra casa potete installare appositi sensori che attivano automaticamente un allarme quando la pressione della neve diventa eccessiva. Questa nuova tecnologia di sicurezza è necessaria soprattutto per i tetti piani di grandi dimensioni (come quelli dei magazzini).
Se desiderate una protezione contro la caduta di masse di neve potete dotare il tetto della vostra casa di griglie, tubi o ganci fermaneve, dispositivi capaci di trattenere la neve evitandone una caduta incontrollata. Una volta montati i dispositivi adeguati assicuratevi che venga effettuata una regolare manutenzione.

I danni causati dalla pressione della neve all’edificio sono considerati danni da eventi naturali e rientrano quindi nell’assicurazione degli stabili contro gli incendi. A seconda del luogo in cui è situato l’edificio, tale assicurazione è di competenza del Cantone o di un’assicurazione stabili privata.

Anche se l’edificio è ben assicurato, la caduta di neve dal tetto può causare danni a cose di terzi o a persone. Danni per i quali, a seconda delle circostanze, potreste essere chiamati a rispondere in quanto proprietari dell’immobile. Per tutelarsi da queste eventualità c’è la nostra assicurazione di responsabilità civile stabili, che è parte integrante della nostra assicurazione per gli stabili.

L’assicurazione perfetta per voi?
La troviamo con una consulenza individuale.
Richiedi una consulenza
POTREBBE INTERESSARVI ANCHE
Insieme alla cassa pensioni delle FFS, assicuriamo i vostri immobili contro i terremoti. Per permettervi di restare saldi anche quando tutto intorno a voi vacilla.
Danni da acqua ed eventi naturali
Gli eventi naturali possono causare seri danni, con gravi conseguenze. Qui vi spieghiamo cosa può succedere e chi risponde dei danni.
Spesso basta una piccola interruzione per causare gravi danni. Con la preparazione giusta, la vostra impresa riuscirà comunque a stare in piedi.
Seguiteci