Incrollabile. La nostra
assicurazione contro i terremoti.

Improvvisamente il pavimento comincia a tremare, cade uno scaffale, le pareti vibrano, crollano case. Quando parliamo di terremoti, di solito pensiamo a terre lontane, come l’Indonesia o il Giappone. Anche in Svizzera, però, la terra trema regolarmente.

Quali conseguenze può avere in concreto un grave terremoto? E ha senso stipulare un’assicurazione contro i terremoti? Ce lo spiega nell’intervista Bruno Spicher, nostro responsabile Riassicurazioni.

Signor Spicher, qual è la probabilità che la Svizzera sia colpita da un violento sisma?

Bruno Spicher: L’ultimo terremoto grave in Svizzera è stato registrato nel 1946 e ha causato danni che, in proporzione, ammonterebbero oggi a miliardi di franchi. Nonostante siano già passati più di 70 anni, non bisogna sottovalutare la possibilità che un evento simile si ripeta. Ogni anno il Servizio Sismico Svizzero registra oltre 500 scosse, l’ultima delle quali ha colpito il Canton Svitto all’inizio del marzo 2017 con una magnitudo di 4.6 sulla scala Richter.

Perché in Svizzera si registrano regolarmente terremoti?

Bruno Spicher: Il processo alla base dell'attività sismica in Svizzera è lo stesso che ha portato alla formazione delle Alpi. I terremoti che si osservano in quest’area sono dovuti allo scontro tra la placca tettonica europea e quella africana.

Negli ultimi anni, però, i terremoti in Svizzera hanno causato danni molto contenuti. Che rischi corrono concretamente le aziende?

Bruno Spicher: Per le grandi aziende e per gli operatori che concedono ipoteche, come i fondi immobiliari, le casse pensioni, le banche o anche le cooperative edilizie, il rischio è notevole, perché un grave sisma potrebbe comportare in un colpo solo la perdita di centinaia di immobili dati in garanzia. Inoltre c’è il rischio che il debitore non possa più ammortizzare l’ipoteca per via dei danni agli stabili.

Ma i danni causati da un terremoto non sono coperti dall’assicurazione stabili?

Bruno Spicher: In Svizzera la questione di chi indennizza i proprietari di case, e in quale misura, non è regolamentata in modo chiaro. È improbabile che l’assicurazione stabili paghi, perché solo pochi immobili sono assicurati contro i terremoti. Solo nel cantone di Zurigo la legge prevede l’inclusione obbligatoria di un’assicurazione contro i terremoti nell’assicurazione stabili.

Che conseguenze avrebbe un terremoto grave per i proprietari di immobili?

Bruno Spicher: Un terremoto come quello del 1946 causerebbe danni immensi; il singolo proprietario potrebbe perdere l’intero immobile. In assenza di un’assicurazione, questi perderebbe il capitale proprio e l’erogatore del prestito ipotecario si ritroverebbe senza la garanzia del credito.

Nonostante la possibilità di un terremoto sia reale, il rischio di subire attacchi informatici sembra preoccupare di più al momento. Come mai?

Bruno Spicher: Quando vediamo alla televisione i disastri causati da un terremoto in America Centrale o in Asia, ci appare tutto molto concreto ma anche molto lontano. Con gli attacchi informatici è l’esatto contrario: il pericolo viene percepito come reale, anche se non è tangibile, il che crea insicurezza. Ecco perché è importante assicurarsi contro entrambi questi rischi. I terremoti sono le calamità naturali con il potenziale di danno maggiore per il nostro Paese, eppure appena il 5% degli stabili in Svizzera è assicurato contro questo rischio. I proprietari di immobili, ma anche l’economia tutta, corrono un rischio enorme, spesso senza nemmeno averne consapevolezza.

Non bisogna certo aspettare una catastrofe perché la situazione possa farsi critica per la vostra casa. Anche una breve scossa può causare crepe nei muri o problemi di staticità. La nostra copertura contro i terremoti per privati si assume i costi, anche quelli relativi a eventuali perdite dei canoni di locazione o i costi di sgombero. 

Dopo una scossa il pavimento cede, trascinando con sé un costoso macchinario. O il magazzino crolla seppellendo le scorte sotto le macerie. Come impresa, avete la possibilità di assicurare anche l’inventario e gli eventuali costi indiretti, anche nel caso di un’interruzione di esercizio dopo un terremoto. La nostra assicurazione contro i terremoti assicura alla vostra azienda la sopravvivenza fino a quando non è in grado di riprendere le attività al 100%. Nella nostra soluzione compatta CombiRisk Business o nell’assicurazione completa di cose e per perdite di proventi All Risks è possibile includere anche l’assicurazione contro i terremoti. 

Prestazioni incluse

  • Copertura assicurativa al valore a nuovo fino alla somma assicurata concordata.
  • Non sono previsti limiti; questo significa che gli indennizzi non vengono decurtati.
  • Non è fissata un’intensità minima di terremoto, il che significa che l’assicurazione copre anche i danni causati da eventi di minore entità.
  • Sono assicurati anche i danni dovuti a errori di progettazione, errata esecuzione dei lavori di costruzione e/o al mancato rispetto delle norme SIA in tema di terremoti.
L’assicurazione perfetta per voi?
La troviamo con una consulenza individuale.
POTREBBE INTERESSARVI ANCHE QUESTO
I ransomware rappresentano una delle peggiori minacce informatiche per le imprese. Per tutelarsi, le piccole e medie imprese hanno bisogno di affidarsi a operatori competenti.
Spesso basta una piccola interruzione per causare gravi danni. Con la preparazione giusta, la vostra impresa riuscirà comunque a stare in piedi.
L’Allianz Risk Barometer 2017 dimostra che le aziende temono sempre di più i rischi informatici.
Seguiteci