Attenzione: stai utilizzando un browser obsoleto, passa a un browser più moderno come Chrome, Firefox o Microsoft Edge

 

Rischi informatici.
Cinque informazioni dal Risk Barometer.

  • Con il progredire della digitalizzazione sono sempre di più le imprese esposte al rischio di sinistri informatici.
  • Ci sono sempre nuovi rischi informatici.
  • In termini di sicurezza informatica sono spesso i dipendenti il punto più debole.
Un collega frustrato diffonde dati sensibili. Un’e-mail contraffatta induce a effettuare un pagamento su un conto sconosciuto. La maggior parte dei sinistri informatici non genera grande clamore, ma provoca grandi perdite. E il loro numero – come mostra l’Allianz Risk Barometer 2021 – è in aumento. Di seguito i cinque fatti più importanti.
La tendenza rimane invariata. Anche se la pandemia e le sue dirette conseguenze assumono una posizione di rilievo tra i rischi attualmente più insidiosi per le imprese, i sinistri informatici continuano ad aumentare e in molti Paesi rimangono sul podio dei rischi più temuti, con un incremento percentuale delle segnalazioni. Con l’avanzamento del processo di digitalizzazione, dovuto anche al più intenso ricorso allo smart working, la vulnerabilità informatica delle imprese è aumentata. I sinistri causati da programmi dannosi e richieste di riscatto hanno subìto una forte crescita e riguardano sempre più le grandi imprese ma anche le Pmi, come emerge dal rapporto di AGCS sulle tendenze relative ai rischi informatici.
Anche se indicati separatamente in classifica, interruzione di esercizio, pandemia e rischi informatici sono fortemente connessi tra loro e mettono chiaramente in luce la vulnerabilità di un mondo altamente globalizzato e interconnesso. Scenari estremi come un blocco globale dei servizi cloud o un attacco informatico architettato sfruttando una catastrofe naturale o una pandemia diventano pericoli reali. È quindi ora di rafforzare la gestione dei rischi informatici e il Business Continuity Management per essere in grado di proteggersi da eventi di questo genere.
Criminalità fa rima con creatività. E la pandemia lo ha mostrato chiaramente: l’ulteriore spinta verso la digitalizzazione ha favorito purtroppo la criminalità informatica aprendo nuove possibilità di attacco come la scansione automatica o la produzione di contenuti mediatici contraffatti per mezzo dell’intelligenza artificiale. «Gli autori degli attacchi sono innovativi», afferma Catharina Richter, responsabile globale dell’Allianz Cyber Center of Competence presso AGCS. Chi è consapevole della situazione è già un passo avanti.
Laddove sempre più apparecchi sono interconnessi e interagiscono senza problemi, è il fattore umano a diventare il principale punto debole del sistema. Una “falla” che i criminali informatici sfruttano in modo mirato per sferrare i propri attacchi. I metodi, sempre più raffinati, fanno leva soprattutto sulla fiducia dei dipendenti aziendali: è il cosiddetto social engineering, una tecnica dal nome apparentemente innocuo che tuttavia nasconde una grande minaccia. A questo proposito vi invitiamo a leggere i nostri consigli per difendersi dal social engineering.
Il nuovo rapporto di Allianz Global Corporate & Specialty (AGCS) giunge a una chiara conclusione: se da un lato i sinistri informatici con i danni maggiori sono frutto di attacchi mirati da parte di hacker, dall’altro la causa più frequente di sinistro sono i dipendenti aziendali, anche se con danni di portata nettamente inferiore. La valutazione è stata effettuata analizzando le richieste di risarcimento per danni informatici avanzate tra il 2015 e il 2020 per un volume totale di 723 milioni di franchi (770 milioni di dollari statunitensi). È interessante notare che, mentre a fare notizia sono gli attacchi di hacker, nella maggior parte dei casi sono semplici blocchi di sistema e comportamenti scorretti a dare alle imprese grandi problemi.
Adam, Senior Segmentmanager Unternehmen, Allianz Suisse
Adam
Senior segment manager Aziende
Adam lavora nel settore assicurativo da oltre 10 anni ed è specializzato nel comparto Aziende – in particolare Vita e Non vita. Quando non pratica arti marziali, studia per il Master in Insurance Management. 
L’assicurazione perfetta per voi?
La troviamo con una consulenza individuale.
POTREBBE INTERESSARVI ANCHE
I ransomware rappresentano una delle peggiori minacce informatiche per le imprese. Per tutelarsi, le piccole e medie imprese hanno bisogno di affidarsi a operatori competenti.
Spesso basta una piccola interruzione per causare gravi danni. Con la preparazione giusta, la vostra impresa riuscirà comunque a stare in piedi.
Insieme alla cassa pensioni delle FFS, assicuriamo i vostri immobili contro i terremoti. Per permettervi di restare saldi anche quando tutto intorno a voi vacilla.
Seguiteci