Prevenzione mirata per ridurre al minimo i sinistri che interessano le flotte

A volte ci vuole coraggio per chiamare le cose con il proprio nome dare il via a un cambiamento. Per le imprese che dispongono di flotte di veicoli, una disattenzione al volante può generare costi molto elevati con conseguenze pesanti. Prevenzione è quindi la parola d’ordine per evitare danni. Dal momento che in linea di principio nessuno provoca un danno intenzionalmente, parlare di prevenzione non è sempre facile. «Per me è molto importante che i veicoli e i conducenti dei nostri clienti siano in grado di svolgere con efficienza i propri compiti», afferma Christoph Kamber, esperto di prevenzione di Allianz Suisse. «Con le misure di prevenzione puntiamo all’efficienza a lungo termine a beneficio dei nostri clienti, approccio che in ultima analisi consente una riduzione dei costi per i sinistri». Ecco come Kamber delinea il programma di prevenzione Fleet Efficiency.

Cosa prevede in concreto il programma Fleet Efficiency? Christoph Kamber risponde a questa domanda con un esempio pratico. «Nell’ambito della nostra analisi annuale del portafoglio flotte abbiamo rilevato che la sinistrosità di uno dei nostri clienti non era ottimale. I costi per i sinistri superiori alla media e il numero degli stessi denotavano la necessità di adottare provvedimenti specifici. Sulla scorta di questi dati abbiamo cercato il dialogo con il cliente e abbiamo constatato che quest’ultimo nutriva da tempo alcune preoccupazioni. Aveva infatti la sensazione che i propri conducenti restassero troppo spesso coinvolti in «danni bagatellari»: un’ammaccatura di qua, un graffio di là. Non tutti questi danni venivano riportati all’assicurazione. Tutte le riparazioni che potevano rientrare nell’ambito della franchigia venivano commissionate e pagate direttamente. Di conseguenza, il numero complessivo dei sinistri superava addirittura del 30 % quello documentato da Allianz.

Abbiamo concordato di procedere nel modo seguente. Abbiamo analizzato i dati dei sinistri notificati tratti dalla banca dati di Allianz. Ogni notifica di sinistro è stata esaminata per individuare le cause esatte del sinistro. La registrazione delle dichiarazioni di chi ha notificato il sinistro, i veicoli e i conducenti coinvolti, il luogo del sinistro, ma anche i giorni della settimana e gli orari sono stati oggetto di analisi. Questi dati sono stati integrati con quelli forniti dal cliente in merito ai sinistri non denunciati.

Il risultato è stato chiaro: la maggior parte dei sinistri si era verificata all’arrivo o alla partenza del conducente dalla sede del cliente da cui si era recato. Inoltre, nel caso di alcuni veicoli è stato possibile constatare che la scarsa visibilità posteriore rendeva le manovre più difficili. Le analisi interne hanno rivelato che all’arrivo dal cliente e prima della ripartenza, venivano inviate notifiche di stato mediante dispositivi mobili».

In sintesi, Kamber ha constatato che i rischi erano connessi a vari fattori, ovvero le manovre, le capacità dei conducenti, le caratteristiche dei veicoli, i finestrini laterali e i lunotti oscurati, la distrazione causata dall’utilizzo dei dispositivi mobili per le notifiche di stato.

«Abbiamo esposto i risultati delle analisi al cliente, discutendoli in modo approfondito. Inoltre, gli abbiamo fatto notare che le spese per i sinistri non coperte dall’assicurazione, come i costi di riparazione al di sotto del limite della franchigia e i costi delle procedure aziendali interne (dalla notifica di sinistro fino alla rimessa in servizio del veicolo riparato) arrivavano a quasi 1350 franchi per sinistro. Per una flotta di 48 veicoli, i costi complessivi non coperti dall’assicurazione ammontavano quindi a oltre 30 000 franchi. Qui c’è un chiaro potenziale di risparmio per l’impresa», conclude l’analisi di Kamber.

«Abbiamo consigliato al cliente di mettere in atto un programma di prevenzione per i successivi 18 mesi. Insieme abbiamo esaminato le varie possibilità e definito i seguenti punti:

  • informare gli autisti coinvolti e i loro superiori in merito ai risultati acquisiti e al proposito di ridurre il numero di sinistri nei mesi successivi;
  • mettere a disposizione di tutte le parti coinvolte una statistica dei sinistri a cadenza semestrale;
  • dare una maggiore importanza alla visuale di guida come criterio per la scelta dei nuovi veicoli da acquistare;
  • vietare l’utilizzo di mezzi di comunicazione mentre il motore è in funzione;
  • nell’ambito del programma annuale di formazione continua, far partecipare i conducenti e i dirigenti a una conferenza di uno specialista della prevenzione di Allianz.

Oggi, nove mesi più tardi, possiamo affermare con soddisfazione che il senso di responsabilità dei conducenti è notevolmente aumentato. L’acquisto di nuovi veicoli con una migliore visuale di guida ha permesso di facilitare le manovre. Uno slogan che esorta a spegnere il cellulare prima di accendere il motore, applicato su tutti i veicoli, ha consentito di accrescere la fiducia dei clienti del gestore della flotta. Lo slogan infatti viene percepito come una forte dichiarazione di responsabilità. Il numero dei sinistri è diminuito di più del 30 % e i costi non coperti dall’assicurazione sono scesi di oltre il 40 %.

Ma la pianificazione di ulteriori misure è già in atto, perché la prevenzione non è un atto isolato, ma un percorso da seguire con costanza», conclude Christoph Kamber.

L’assicurazione perfetta per voi?
La troviamo con una consulenza individuale.
POTREBBE INTERESSARVI ANCHE QUESTO
Basta un attimo di distrazione per provocare un danno sul posto di lavoro. Ma chi paga?
Quando una risoluzione immediata del contratto da parte del datore di lavoro è giustificata e quando no? Quali sono le conseguenze di un licenziamento straordinario?
L’ammontare dei costi di un parco veicoli dipende essenzialmente dalla qualità della gestione dei sinistri. Qui trovate tanti consigli utili.  
Seguiteci